Il ragazzo di 13 anni si è costruito una casa modesta: dai un’occhiata al prodotto finito

Storie Positive

Oggi i giovani tendono a disdegnare l’attività fisica e preferiscono trascorrere il loro tempo libero su internet o giocando con il telefono.

Purtroppo, tali attività non sono sempre benefiche per lo sviluppo dell’intelletto e della mentalità di un bambino.

È fondamentale che i genitori incoraggino i loro figli a rimanere attivi e a limitare l’uso dei dispositivi elettronici.

I genitori del tredicenne Luke dell’Iowa sono riusciti a sviluppare nel loro figlio l’amore per il lavoro e la creatività.

Fin da piccolo, il ragazzo aveva un interesse precoce per la costruzione e costruiva frequentemente strutture incredibili con i Lego.

Il ragazzo di 13 anni si è costruito una casa modesta: dai un'occhiata al prodotto finito

Quando Luke cresceva, i suoi genitori gli permettevano di usare gli attrezzi da lavoro, e lui amava creare casette per gli uccelli e librerie.

Un giorno Luke ha deciso di costruire una piccola casa separata nel giardino dei suoi genitori. Una scelta audace per un tredicenne.

Il giovane ha affrontato l’idea con serietà. Prima ha disegnato uno schizzo della futura casa con l’aiuto del padre.

Successivamente sono state scavate le fondamenta. Quando la parte più cruciale del lavoro è stata completata, il ragazzo ha iniziato a costruire la casa.

Il ragazzo di 13 anni si è costruito una casa modesta: dai un'occhiata al prodotto finito

Scegliendo il legno come materiale, ha costruito uno strato isolante all’interno per mantenere la casa calda in inverno e fresca in estate.

La casa aveva solo 20 metri quadrati, ma includeva tutto ciò di cui aveva bisogno, compreso un piccolo bagno.

Luke ha utilizzato i soldi ricevuti per Natale per acquistare i materiali da costruzione. I genitori hanno aiutato il giovane a arredare la casa con i mobili e gli elettrodomestici necessari.

Il ragazzo di 13 anni si è costruito una casa modesta: dai un'occhiata al prodotto finito

Il ragazzo aveva persino un forno a microonde e un piccolo frigorifero. Così Luke ha trascorso le sue vacanze estive.

Le competenze lavorative acquisite nella famiglia di una persona determinano l’intero percorso della sua vita.

Lo scopo principale dell’educazione al lavoro è instillare nei bambini un atteggiamento responsabile e

creativo verso una vasta gamma di attività, che serve da base per l’auto-identificazione professionale futura.

Solo allora il lavoro può sviluppare un atteggiamento favorevole verso varie tipologie di attività.

Quando un’attività è ben organizzata e ricca di contenuti, diventa una forma di attività. Non si può costringere un giovane a fare qualcosa.

È importante coltivare il suo interesse per varie forme di lavoro e servire da modello positivo per lui.

Vota l’articolo
Aggiungi Un Commento